Uno sgabello per due

di Emilia Cece (>>>) quello strano rapporto tra Ingeborg Bachmann e Hans Werner Henze. “Così luminoso è il mondo e così dissennato”[1] I.Bachmann Prendiamo spunto dalla revisione de <<l’Idiota di Dostoevskij>> di I. Bachmann che curò il libretto di << Ein monolog der Fursten Myschin zu der Ballettpantomime Der Idiot>> musicato …

Continue reading

L’oggetto voce nell’autismo

  di Chiara Mangiarotti >>>   Lo sforzo di immutabilità che caratterizza un soggetto autistico è riconducibile all’impossibilità che caratterizza questa struttura a concepire il linguaggio diversamente da un sistema che si auto-genererebbe da un unico significante. Normalmente il bambino perviene al simbolico attraverso un’esperienza che Freud ha illustrato con …

Continue reading

Musica e trance

IL CASO DEL TARANTISMO PUGLIESE di Ugo Vuoso >>>   La relazione  tra musica e stati transitori di alterazione delle attività psichiche (trance, estasi, sdoppiamento o sovrapposizione di personalità, visione, ‘viaggio’ mistico, ecc.) è riscontrabile  nei riti a sfondo terapeutico e religioso di molte culture e società tradizionali., costituendosi come elemento …

Continue reading

Interdisciplinarità e metodologie della didattica musicale

di Fiorella Orazzo >>> In un mondo sempre più oscillante tra l’iperspecializzazione scientifica e la “tuttologia” senza senso critico, ci sarebbe la necessità di dare spessore ad un concetto sempre troppo poco valorizzato: l’interdisciplinarità. Questo approccio in qualche maniera eclettico porta con se possibilità infinite e apre orizzonti inaspettati e …

Continue reading

Musica, Psicoanalisi, Neuroscienze

Sinergie e funzioni nel legame sociale Emilia Cece >>> La psicoanalisi, come è noto, ha riservato con sviluppi teorici disparati, un posto centrale al mito dell’oggetto perduto. Per Jacques Lacan, ogni soggetto parlante è effetto del disequilibrio che viene a crearsi per insistenza di un reale silenzioso, residuo dell’articolazione tra …

Continue reading